Luigi Quaglia Gioielli

Qui è dove tutto comincia

Una tradizione tramandata negli anni
fatta di passione e creatività

La Nostra Storia

Negli anni ’50 nella centralissima via Montenapoleone a Milano nasceva il laboratorio orafo di Luigi Quaglia: una piccola realtà imprenditoriale che, grazie all’originalità ed alla raffinata eleganza delle proprie creazioni, nel corso degli anni è riuscita a ritagliarsi un posto di rilievo nel panorama della gioielleria italiana.

Negli anni Quaglia ha creato eventi straordinari per presentare le sue linee di gioielli in oro, diamanti e pietre preziose.
Ha collaborato con personaggi influenti del mondo dello spettacolo e dello sport.
Le più importanti testate hanno parlato delle sue creazioni e della gioielleria artigianale riconosciuta in Italia e nel mondo.

Artista orafo, innovatore, fu uno dei primi in Italia ad apporre la propria firma sulle sue creazioni accompagnata dallo slogan ‘l’oro etrusco di Luigi Quaglia’, il ‘suo’ oro, frutto di ricerca e sperimentazione.

1950 | Come tutto ebbe inizio

La guerra è finita da cinque anni e si fa più impellente la necessità di riprendere il normale ritmo di vita e di lavoro. Tra difficoltà e leggi severe che vietano la vendita dell’oro, nella soffitta di via Monte Napoleone Luigi Quaglia realizza i suoi primi gioielli.

1955 | L’oro etrusco

Anche il gioiello deve possedere qualcosa di nuovo, che lo distingua fra tutti: la realizzazione di un’idea, l’idea Quaglia. Così, dopo una lunga attesa e una paziente ricerca, Luigi Quaglia presenta il ‘suo’ oro etrusco: un oro diverso, giallo intenso, opaco, graffiato, con schizzature e “abbagli” lucidi.

1960 | L’incontro di settembre

Mostre e fiere si succedono, è in questi anni che si aggiunge un’iniziativa che si protrarrà nel tempo: l’”incontro di settembre”. Uno show particolarissimo con la presentazione della collezione e delle nuovissime idee d’oro.

1970 | L’arte orafa in TV

Nel corso di una mostra di oreficeria ad Hong Kong i gioielli Quaglia vengono ripresi dalla tv italiana, è la prima volta che la tv di stato si interessa al settore orafo.

1973 | Ambrongino d’Oro

L’estrema passione per il suo lavoro, l’innovazione nell’uso dei materiali, la sensibilità posta nella creazione di ogni gioiello ha fatto sì che Luigi Quaglia venisse insignito dell’ambito riconoscimento dell’Ambrogino d’Oro, quale maestro orafo.

1975 | Thaiti in Italia

Dopo un viaggio in Polinesia, Quaglia è riuscito a ricostruire l’atmosfera magica e incantata di Thaiti in Toscana

Mille… diamanti e una notte

Idee nuove e luminose si uniscono al colore ed al calore dell’oro in netto contrasto con la fredda bellezza del diamante.

1976 | Gli incastri

Quaglia si è sempre dimostrato di essere contro corrente, creando una linea di gioielli con il “suo oro”; ha così espresso il suo modo di essere orafo, che ha costruito giorno per giorno attraverso una serie infinita di” Incastri”

1978 | Oro e pelle

La collezione presentata all’Hotel Regina Palace di Stresa, parla di un Quaglia che accosta oro Etrusco e pelle.

1980 | Seta e Oro

Seta e Oro è l’inscindibile binomio che sottolinea il valore di un artigianato di lunghe tradizioni.
Gian Pietro Mosconi con le sue sete e foulard partecipa all’incontro settembrino firmato Quaglia.

1981 | Collezioni Stelle

Ambrogio Fogar si è lasciato guidare dalle stelle nelle sue traversate oceaniche; la maison lo chiama per guidare la nuova collezione dedicata alle stelle.

1982 | Punto e Cerchio

Questo tema ha fatto vibrare la sua sensibilità trovando nel sole, nell’alba, nel tramonto e in tanti altri motivi l’esemplificazione del concetto.

1983 | La Rete d’Oro

Quante cose sono fatte con la rete? La rete del ragno, la rete del pallone, quella dei pesci, quella per prendere le farfalle o quella in cera dell’alveare.
In questo stesso anno anche la moda introduce la rete usandola come particolari per camicie oppure per abiti fatti completamente in rete.
Quaglia non perde l’occasione di dettare ancora una volta moda e tendenza con la collezione “La rete d’oro”.

1984 | Oro e Terracotta

Sono gioielli grandi e importanti da portare che soddisfano il gusto narcisistico di chi li indossa, ma dal costo contenuto, voluti così dal signor Quaglia per raggiungere un’ampia fascia di pubblico. Dello stesso anno è il Profumo Quaglia una nuova fragranza aspra, secca, moderna e raffinata, una fragranza da uomo così come piace alle donne, proposta in un inedito involucro di terracotta con firma in oro zecchino.
Il successo del profumo, fa sì che venga richiesta anche la fragranza femminile.
Il profumo da donna deve essere fiorito e viene scelta la magnolia come essenza principale. Il flacone è una sfera di cristallo satinato chiusa da un tappo che rappresenta una combinazione di fiori come quelli dei suoi gioielli.

Oro e Gomma

La gomma, un materiale decisamente povero che viene completamente utilizzato al di fuori del suo uso comune, con il suo colore nero accostato al giallo dell’oro forma un connubio all’avanguardia, che sarà poi d’ispirazione per molti altri e che sicuramente non tramonterà mai.

1995 | Gioiello dell’anno

La collezione “Scudi“ viene premiata con l’ambito premio “Il Gioiello dell’Anno“.

2000 | La Rosa del Papa

La famiglia Sala presenta al Santo Padre Giovanni Paolo II la Rosa d’Oro. Diventerà il simbolo della Famiglia durante il Giubileo.

2013 | Premio Milano Produttiva 24esima edizione

Al teatro “La Scala“ di Milano la Luigi Quaglia & C. riceve l’onorificenza de “La Milano Produttiva“.

2020 | Oro e Titanio

Quaglia con la collezione “Titanium“ cambia la prospettiva del gioiello, unendo il moderno con il classico.


CREATORI DI BELLEZZA

Negli anni Quaglia ha creato eventi straordinari per presentare le sue linee di gioielli in oro, diamanti e pietre preziose. Ha  collaborato con personaggi influenti del mondo dello spettacolo e dello sport. Le più importanti testate hanno parlato delle sue creazioni e della gioielleria artigianale  riconosciuta in Italia e nel mondo.

Latest From MoJuri!

Sign-up to receive 10% off your next purchase. Plus hear about new arrivals and offers.

    1973
    Ambrogino d’Oro

    L’estrema passione per il suo lavoro, l’innovazione nell’uso dei materiali, la sensibilità posta nella creazione di ogni gioiello ha fatto sì che Luigi Quaglia venisse insignito dell’ambito riconoscimento dell’Ambrogino d’Oro, quale maestro orafo.

    1975
    Thaiti in Italia

    Dopo un viaggio in Polinesia, Quaglia è riuscito a ricostruire l’atmosfera magica e incantata di Thaiti in Toscana.

    1975
    Mille… diamanti e una notte

    Idee nuove e luminose si uniscono al colore ed al calore dell’oro in netto contrasto con la fredda bellezza del diamante.

    1978
    Gli incastri

    Idee nuove e luminose si uniscono al colore ed al calore dell’oro in netto contrasto con la fredda bellezza del diamante.

    1978
    Oro e pelle

    La collezione presentata all’Hotel Regina Palace di Stresa, parla di un Quaglia che accosta oro Etrusco e pelle.

    1980
    Seta e oro

    Seta e Oro è l’inscindibile binomio che sottolinea il valore di un artigianato di lunghe tradizioni.
    Gian Pietro Mosconi con le sue sete e foulard partecipa all’incontro settembrino firmato Quaglia

    1981
    Collezioni Stelle

    Ambrogio Fogar si è lasciato guidare dalle stelle nelle sue traversate oceaniche; la maison lo chiama per guidare la nuova collezione dedicata alle stelle.

    1982
    Punto e cerchio

    Questo tema ha fatto vibrare la sua sensibilità trovando nel sole, nell’alba, nel tramonto e in tanti altri motivi l’esemplificazione del concetto.

    1983
    La rete d'oro

    Quante cose sono fatte con la rete? La rete del ragno, la rete del pallone, quella dei pesci, quella per prendere le farfalle o quella in cera dell’alveare.
    In questo stesso anno anche la moda introduce la rete usandola come particolari per camicie oppure per abiti fatti completamente in rete.
    Quaglia non perde l’occasione di dettare ancora una volta moda e tendenza con la collezione “La rete d’oro”.

    1984
    Oro e gomma

    La gomma, un materiale decisamente povero che viene completamente utilizzato al di fuori del suo uso comune, con il suo colore nero accostato al giallo dell’oro forma un connubio all’avanguardia, che sarà poi d’ispirazione per molti altri e che sicuramente non tramonterà mai.

    1984
    Oro e terracotta

    Sono gioielli grandi e importanti da portare che soddisfano il gusto narcisistico di chi li indossa, ma dal costo contenuto, voluti così dal signor Quaglia per raggiungere un’ampia fascia di pubblico. Dello stesso anno è il Profumo Quaglia una nuova fragranza aspra, secca, moderna e raffinata, una fragranza da uomo così come piace alle donne, proposta in un inedito involucro di terracotta con firma in oro zecchino.
    Il successo del profumo, fa sì che venga richiesta anche la fragranza femminile.
    Il profumo da donna deve essere fiorito e viene scelta la magnolia come essenza principale. Il flacone è una sfera di cristallo satinato chiusa da un tappo che rappresenta una combinazione di fiori come quelli dei suoi gioielli.

    1995
    Gioiello dell'anno

    La collezione “Scudi“ viene premiata con l’ambito premio “Il Gioiello dell’Anno“.

    2000
    La rosa del Papa

    La famiglia Sala presenta al Santo Padre Giovanni Paolo II la Rosa d’Oro. Diventerà il simbolo della Famiglia durante il Giubileo.

    2013
    Premio Milano Produttiva 24esima edizione

    Al teatro “La Scala“ di Milano la Luigi Quaglia & C. riceve l’onorificenza de “La Milano Produttiva“.

    2020
    Oro e titanio

    Quaglia con la collezione “Titanium“ cambia la prospettiva del gioiello, unendo il moderno con il classico.